Piani di risparmio per expat e recensioni di portafogli obbligazionari: Generali + Zurich Vista + RL360 Quantum/PIMS + Friends Provident + Old Mutual Executive Redemption Bonds

Aggiornato Settembre 5, 2019

Nel bel mezzo della gara per ottenere ritorni di investimento molti expat cercano di investire in modo intelligente. Anche se questo atteggiamento è molto più saggio rispetto al tenere i soldi fermi in banca, non tutti i piani di investimento potranno portare frutto.

Un caso interessante è quello dei piani di risparmio e delle obbligazioni offshore. Nel mercato estero expat i piani di risparmio costituiscono uno dei prodotti finanziari più venduti, ma solo pochi sembrano soddisfatti di questi strumenti.

In questo articolo analizzerò alcuni dei piani di risparmio expat più comuni, portafogli obbligazionari, piani pensionistici e fondi pensionistici fiduciari per expat dello UK. Discuteremo inoltre se convenga di più continuare ad investire in essi o cercare una soluzione alternativa.

L’articolo che segue è stato ampliato in seguito alle richieste di approfondimenti e di maggiori contenuti ricevute da parte dei lettori.

Se siete troppo impegnati per leggere l’intero articolo ma volete che io dia un giudizio al vostro approccio finanziario, non esitate a contattarmi tramite email ([email protected]) o attraverso gli altri canali elencati a fondo pagina.

Non posso promettere nulla a parte il fatto che farò del mio meglio per aiutarvi a trovare una soluzione adatta a voi.

Che cosa sono i piani di risparmio expat?

La maggior parte dei piani di risparmio per expat proposti da consulenti finanziari, banche e amministratori rientrano nel gruppo dei piani di assicurazione-investimento. In caso di morte riceverete il 101% del vostro conto. Per esempio, se il valore del vostro conto è di $100,000, i vostri figli avranno $101,000 alla vostra morte. 

Generalmente questi piani hanno un periodo di contribuzione prefissato. Solitamente le soluzioni più brevi stabiliscono un periodo contributivo di 5 anni mentre i piani di durata più lunga arrivano a 25-30 anni. I piani dai 20 ai 30 anni sono quelli più venduti nel mercato expat. 

I provider di questi piani hanno generalmente sede fisica nell’Isola di Man, Jersey, nelle Cayman, Bermuda, Puerto Rico, Guernsey o in numerose altre località offshore.

Ma questo non è il problema reale di questo tipo di piano di risparmio. Al giorno d’oggi tutte le località, offshore e onshore, seguono ormai regole di investimento molto rigide a seguito della crisi finanziaria. Inoltre,, per un expat, ha senso investire offshore per ragioni di tassazione, a meno che non siate cittadini Americani.

Il problema è il tipo di investimenti presenti all’interno di questi piani e i termini/condizioni stesse, non la posizione fisica del denaro.

Chi acquista questi piani di risparmio?

Persone provenienti da tutto il mondo. In generale ho notato che i soggetti che comprano questo tipo di piani di risparmio sono per la maggior parte expat Britannici, seguiti da expat provenienti dal Nord Europa, Francesi, Indiani, Cinesi, Australiani e molte altre nazionalità.

Cosa potete fare se possedete uno di questi piani e questa situazione vi mette in apprensione?

Cercate una consulenza. A seconda dei termini e delle condizioni associate al vostro conto potrebbero esistere dei modi per ottenere un’alternativa più conveniente o per ridurre la struttura delle commissioni applicate al vostro conto. Con questo articolo spero di potervi aiutare con questo processo.

Quali sono i provider e i prodotti principali? Dove vengono venduti?

I provider e i prodotti principali includono:

• Generali Vision. Ora fornito da Upmost Wealth Solutions in Guernsey. Quindi il piano Generali Vision viene oggi comunemente chiamato Upmost Vision Plan.  

• Zurich Vista

• Friends Provident Premier Advance Savings Plan

• Hansard Vantage Savings Plan

• Hansard International Vantage Platinum 11

• RL360 Insurance Company Limited (RL360) Quantum

• RL360 Paragon

• AXA Pulsar

• Providence Life Compass Account

• Hansard Infinity Wealth

• Hansard Infinity Wealth Access 

• Premier Trust Global New Horizon

• Premier Trust Global Premier Provest Principal Protection

• Piano Premier Trust Global Provest

• Metlife International Wealth Builder

• HSBC International Wealth Builder Accounts

• Canada Life Offshore Savings Account

Questi piani vengono venduti in ogni parte del globo. Tuttavia Singapore, Hong Kong, Dubai, Abu Dhabi, il Qatar, Amsterdam, Shanghai e specialmente Bangkok in Thailandia, Kuala Lumpur, Jakarta, HCMCT nel Vietnam, la Spagna, la Francia, Tokyo, il Sud Africa, Seoul, la Germania, la Svizzera e Bruxelles sono alcune delle destinazioni più popolari nelle quali acquistare piani di risparmio.

Inoltre i piani vengono anche venduti a Phnom Penh in Cambogia, Manila, Laos, India e numerosissime altri paesi emergenti nei quali il numero di expat continua a crescere.

I prodotti a soluzione unica associati con queste compagnie assicurative vengono anche venduti in modo estensivo in Australia, Canada e Nuova Zelanda a causa dello schema pensionistico QROPS e SIPPS per expat Britannici.

Dato che queste compagnie assicurative sono basate nell’isola di Man o in altri territori Britannici d’oltremare, molti expat Britannici acquistano queste polizze. 

Come funzionano generalmente?

Il costo del piano viene tipicamente riscosso anticipatamente per coprire i costi di vendita e di amministrazione. Al cliente viene quindi rimborsata una parte dei soldi versati al termine del piano, sotto forma di bonus.

Utilizziamo l’esempio semplificato di una persona che acquista un piano di risparmio da 10 anni. Se lui o lei versa il premio assicurativo per 120 mesi, il costo totale del piano sarà generalmente dell’1-2% all’anno. Sembra abbastanza ragionevole. Ma se il cliente interrompe il pagamento a metà del contratto il costo reale sarà vicino al 4% per anno perché generalmente al termine del contratto non saranno più riconosciuti i bonus.

È possibile interrompere il pagamento del premio per un periodo determinato, ma questa opzione non viene fornita in modo gratuito.

Il cliente può ottenere dei buoni margini di guadagno da questi piani di risparmio?

Una piccola percentuale riesce a ricavare un buon profitto, ma si tratta per la quasi totalità di persone che continuano a contribuire al piano fino al termine periodo di contratto.

Tuttavia solamente il 3-4% delle persone contribuisce per l’intero periodo di 25 anni. Ho visto svariate persone ottenere ritorni ragionevoli dai piani da 10 e 15 anni.

Ma anche in quel caso molte persone interrompono la contribuzione perché per i primi anni la struttura dei costi addebitati è molto onerosa. La maggior parte dei clienti interrompe la contribuzione a meno di ricevere un bonus consistente al termine del periodo.

La parte più complessa di questi piani è che i costi non sono disposti in modo uniforme. Per esempio nel piano Generali i costi diventano particolarmente alti nel settimo, ottavo e nono anno.

Così alti che è quasi impossibile ottenere dei ritorni reali.

Ma dopo 10 anni lo schema dei costi cala drasticamente fino allo 0.2% per anno. Molte persone perciò smettono di contribuire dopo 6,7,8 o 9 anni.

In generale i piani di risparmio vecchio stile andrebbero evitati come la peste a meno di essere sicuri di poter contribuire ogni mese.

Per quanti anni il risparmiatore medio investe in questi piani?

Statisticamente la detenzione media del prodotto a 25-anni è di 7 anni. La maggior parte delle persone che investe nei piani a 10 anni contribuisce invece fino a maturazione.

Se una persona desidera interrompere la contribuzione, come può agire?

Esistono numerose opzioni. È possibile ottenere un valore di riscatto massimo e interrompere completamente le contribuzioni. Tuttavia il valore di riscatto può essere abbastanza basso a seconda di quanto siete vicini alla maturazione.

Facciamo un esempio: diciamo che un cliente ha investito in un regolare piano di risparmio. Si tratta di un piano a 25 anni e, dopo 5 anni, ha raggiunto un valore di $100,000. Mancano ancora 20 anni, pertanto il valore di riscatto sarà molto basso. A confronto, se un individuo B possiede $100,000 dollari in un piano da 10 anni e ci troviamo ora nell’ottavo anno, il valore di riscatto potrebbe essere del 90%+ del valore del conto.

Una seconda opzione è quella di un riscatto massimo senza penali che permette di reinvestire il capitale altrove in modo più produttivo.

L’ultima opzione è quella di interrompere il pagamento e lasciare il denaro nella polizza.

Si può continuare ad avere profitti dopo aver interrotto la contribuzione?

Dipende da vari fattori, incluso quali fondi sono stati scelti all’interno del piano di risparmio. In generale, se le persone interrompono le contribuzioni perderanno denaro ogni anno dal loro piano, saranno in pari o, al massimo, otterranno un rendimento annuale del 4%. È un gioco di numeri. In alcuni casi, se il costo del conto salirà oltre il 4% all’anno, se la contribuzione verrà interrotta e se il mercato starà performando all’8-9%, allora il profitto del conto del cliente potrebbe salire fino al 4% se sono stati scelti i fondi giusti.

Quali sono gli errori più gravi commessi dalle persone che si trovano in questa situazione?

I ricercatori la chiamano avversione alla perdita. Le persone soffrono una perdita molto più di quanto apprezzino un guadagno. Questa è una delle ragioni per cui molte persone sono terrorizzate all’idea stessa di investire, nonostante il fatto che il Dow Jones sia passato da 66 punti nel 1900 a 26800+ quest’anno – una crescita annuale del 10%.

Per quanto riguarda i piani di risparmio, tipicamente i consumatori compiono i seguenti errori:

• Continuano a contribuire e aspettano che il valore raggiunga un determinato livello

• Non prendono mai in considerazione delle alternative 

• Affondano la testa nella sabbia 

Talvolta accettare una perdita è la cosa più razionale. Esempio tipico. Diciamo che il vostro account valga $100,000 ma potete ottenerne indietro solo $80,000. Uscire dal conto vi costerà $20,000. Una pillola difficile da mandare giù.

Ma cerchiamo di trovare una soluzione. Se il mercato performa con la media storica di ritorno sugli investimenti i vostri $80.000 varranno più di $100.000 in tre anni e circa $207.000 in dieci anni. Ovviamente nessuno sà cosa succederà al mercato. Negli ultimi 9 anni i mercati USA sono aumentati del 300% mentre dal 2000 al 2009 hanno prodotto ritorni negativi.

Tuttavia, a livello statistico, accettare le perdite a volte può essere la cosa più razionale, specialmente se porta ad un risultato migliore.

Posso perdere tutto il mio capitale se interrompo le contribuzioni troppo presto?

Tipicamente questo tipo di piani di risparmio ha un “periodo di indennità” di 18 mesi. Questo significa che se interrompete la contribuzione prima dei 18 mesi perderete l’intera somma. I piani Generali da 5 e 10 anni hanno periodi di indennità di meno di un anno.

Quindi non è sempre vero che perderete tutto il vostro denaro se interrompete le contribuzioni dopo 18 mesi. Quello che accadrà invece è che delle commissioni molto elevate eroderanno i vostri ritorni.
I piani sono flessibili? 

I giorni delle carriere expat stanno ormai finendo, gli expat devono sempre più spesso spostarsi di città in città.

La maggior parte di questi piani non è molto flessibile. È vero che dopo il periodo iniziale potrete interrompere le contribuzioni, diminuire o aumentare il premio assicurativo, etc. Tuttavia ognuna di queste opzioni implica delle ramificazioni. Diminuire il vostro premio assicurativo potrebbe portare potenzialmente a ritorni molto bassi o persino a perdite.

Questo è dovuto al fatto che la struttura dei costi addebitati è basata sul vostro premio assicurativo iniziale. Quindi se cominciate con un premio assicurativo mensile di $2,000 e successivamente lo riducete a $300, la struttura dei costi (a livello di percentuale) sarà comunque legata al premio originale di  $2,000.

Funzionano tutti nello stesso modo?

Mi è stata chiesta molto spesso una domanda da parte dai lettori dei miei blog e anche di persona: gli altri piani di risparmio funzionano nella stessa maniera?

La risposta, almeno per i piani vecchio modello, è si. Provider differenti forniscono commissioni differenti, ma tutti:

• Hanno commissioni alte. Alcuni hanno commissioni più alte in determinati anni rispetto ad altri, ma, in generale, si assomigliano tutti molto.

•  Hanno commissioni specialmente alte nel caso in cui non paghiate ad ogni singola scadenza. Il conto funziona così: se pagate ogni mese fino a maturazione vi verranno rimborsati parte dei costi di gestione del conto.  Se mancate anche un solo mese spesso non riceverete nessun bonus.

• Sono molto più costosi dei vari prodotti lump-sum o prodotti di risparmio più recenti

Esistono circostanze in cui è consigliato continuare ad effettuare contribuzioni?

Si. Se siete a 110 mesi di contribuzione, all’interno di un piano da 10 anni, ovviamente sarà più logico contribuire per i restanti 10 mesi dato che vi saranno dati una serie di bonus che ridurranno il costo medio del vostro conto. Allo stesso modo, se avete investito in fondi da soli 5, 10 o 15 anni potrebbe essere conveniente continuare.

Questo sarà il caso soprattutto se avete investito solo una piccola percentuale del vostro stipendio. È ovvio che un expat che guadagna $10,000 netti potrà permettersi senza difficoltà un premio mensile da $500-$1,000. Un expat che guadagna $3,000 al mese potrebbe invece faticare per mantenere quel livello di premio assicurativo.

Esistono implicazioni legate alle tasse nel caso di uscita anticipata?

A volte. Se depositate $30,000 nel conto corrente della banca del vostro paese potrebbero esservi poste alcune domande. Questa è una delle ragioni per le quali spesso è utile ricercare una soluzione di investimento alternativa per i vostri soldi a meno che non vi troviate vicino al pensionamento.

Ci sono ulteriori costi esternalizzati per investire?

A volte le imprese di consulenza esternalizzano la gestione dei conti per una tariffa annuale dell’1%. Per esempio, Tilney BestInvest è molto usato in Malesia, Cambogia, Hong Kong, Thailandia, Qatar e Cina – perché sono vendute da W1 Investment Group e la Infinity Financial Solutions.

Il problema è che, investire in BestInvest da una piattaforma UK o investire da una piattaforma con base offshore è molto differente. Utilizzare BestInvest nello UK può essere 5-10 volte più conveniente che comprare gli stessi fondi attraverso una compagnia assicurativa offshore. Quindi scrivendo “recensioni best invest” o “Tiling Best Invest recensioni” su Google, spesso verrete indirizzati a recensioni relative ai prodotti regolati o UK SIPPS.

Quali altri prodotti assicurativi vengono generalmente venduti?

Vengono venduti anche molti portafogli obbligazionari. Questi sono prodotti lump-sum che hanno generalmente una durata più breve – per esempio con schemi da 5 o 10 anni. Queste obbligazioni sono utilizzate da expat Britannici, Irlandesi, Olandesi e Belgi che desiderano trasferire le loro pensioni all’estero. Sono tipicamente più flessibili dato che il 70% e passa del denaro può essere ritirato senza penalità già dal primo giorno.

Quali sono i nomi dei provider e dei prodotti più popolari?

Alcuni dei nomi più popolari e più venduti sono:

• Friends Provident International Reserve Investment Bond

• Friends Provident Summit Bond

• Friends Provident International Zenith

• Generali Worldwide Choice Account

• Generali Worldwide Professional Portfolio Bond

• Hansard International Capital Investment Bond

• Old Mutual (prima chiamato Skandia) Collective Investment Bond

• Old Mutual (prima chiamato Skandia) Collective Redemption Bond

• Old Mutual (prima chiamato Skandia) Executive Redemption Bond

• RL360 Pims

• RL360 Oracle

• Investors Trust Access Portfolio

• Investors Trust Fixed Income Portfolio

• AXA Evolution Bond

• Providence Life Horizon Portfolio Bond

• Providence Life Orbit Portfolio Bond

• Providence Life Polaris Portfolio Bond

• Premier Trust Global Premier

• Canada Life Wealth Preservation Account

• Prudential International Portfolio Bond

Anche alcune delle banche più grandi come HSBC Expat, Standard Bank, Santander International Swissquote, Santander International, Lloyds International, Nedbank Private Wealth e Barclays International offrono prodotti e fondi. Tendono ad essere portafogli obbligazionari o prodotti lump-sum, ma le commissioni sono comunque generalmente alte.

Standard Bank possiede la serie di investimenti Quantum. Standard Bank Quantum Plus  10, 11, 20 e 23 sono tutti parte di questa serie. Questo investimento mira a raggiungere i massimi del mercato e limitare le perdite nelle fasi di down. Sembra ottimo su carta, ma i termini e le condizioni spesso determinano un ritorno molto inferiore ai rendimenti del mercato.

Le commissioni e gli addebiti nell’ambito delle obbligazioni offshore

Le commissioni per le obbligazioni offshore sono molto più ragionevoli della media dei piani di risparmio. Questo non significa che ciò sia spiegato in modo trasparente e immediato nel modulo di adesione o nelle caratteristiche principali.

Anche molte altre commissioni nascoste possono erodere i vostri guadagni. Questo è specialmente il caso per i trasferimenti pensionistici offshore per expat, dato che le commissioni fiduciarie diminuiranno il vostro ritorno.

Ancora una volta avrà più senso chiedere una seconda opinione su questi conti, specialmente se i vostri ritorni sono bassi.

Dato che i valori dei portafogli obbligazionari sono tipicamente più alti, le commissioni diventano ancora più importanti.

Facciamo l’esempio di un investitore che ha una somma unica di $ 500,000. Le spese del fondo sono il 2% all’anno, oltre alla spesa di gestione per il broker dell’1% e le spese per l’assicurazione sulla vita. Il mercato sale dell’8% e l’investitore ottiene un ritorno del 4% l’anno. Se si riuscisse a ridurre le commissioni dello 0,5% – 1% all’anno, ciò farebbe un’enorme differenza nel corso del tempo. Non sembra molto, ma si tratta di $2,500 – $5,000 in un solo anno e potenzialmente di quasi $100,000 nell’arco di 10-15 anni.

Ricordate che le commissioni in percentuale saliranno col salire del mercato, una commissione dell’1% in termini monetari diventerà più grande anno dopo anno.

Alcune obbligazioni offshore possiedono opzioni per fondi low-cost, inclusi i fondi tracker. Questo significa che molti expat là fuori possiedono piani che potrebbero essere ridotti di prezzo in modo drastico.

Dato che le obbligazioni offshore non hanno durate lunghe quanto quelle dei piani di risparmio e dato che non possiedono la stessa dimensione contrattuale, tendono generalmente ad attrarre meno reclami.

Durante il primo anno il 70%+ di questi conti è liquido dal giorno 1, per arrivare poi al 100% entro l’anno 5-8.

Fondi all’interno delle obbligazioni offshore

L’errore più grave è quello di avere troppi fondi non liquidi all’interno delle obbligazioni offshore. Molti di questi fondi non liquidi, come LM in Australia, sono collassati a causa di problemi di liquidità o frode.

Ci sono state recentemente delle modifiche alle liste dei fondi/centri dei fondi, così da rendere più difficile la scelta di quel tipo di fondi da parte dei consulenti finanziari. 

La performance di queste obbligazioni può variare differentemente a seconda dei fondi che sono stati scelti. Per esempio, l’Old Mutual Executive Investment Bond e RL360 Pims mettono entrambi a disposizione fondi con basse commissioni, cosa che può fare una grossa differenza sulla performance.

La performance di un fondo e le schede dei dati sono tutte disponibili online.

Le persone dovrebbero fare un reclamo presso gli enti di controllo nel caso in cui pensino di aver subito un mis-sold?

Dipende dal tipo di mercato. In mercati molto regolati come l’EU, Hong Kong o Singapore potreste avere fortuna seguendo quella strada, ma dipende sempre da quali documenti avete firmato il primo giorno e che cosa potete provare.

Nella maggior parte dei mercati expat i servizi finanziari non sono ben regolati come nei paesi più sviluppati ed è improbabile che gli enti di controllo si interesseranno al reclamo di un expat.

Nella maggior parte dei casi, perciò, sporgere reclamo non è molto produttivo.

Quali sono alcune delle altre piattaforme che vengono generalmente usate nel mercato expat?

Interactive Brokers e Internaxx sono due delle più popolari. Altre piattaforme usate comunemente includono:

• DBS Vickers Securities

• E*trade Financial

• iFast International

• Novia Global

• Platform One International

• Praemium James

• Raymond James

• Saxo Capital Markets/Saxo Bank

• Ardan International

• Capital Platforms Isle of Man

• Momentum Wealth Personal Portfolio

• Moventum Platform/Moventum Capital Platform in Lussemburgo.

Quali fondi e fondi a gestione discrezionale vengono tipicamente venduti tra le obbligazioni, i piani di risparmio e piattaforme varie?

In termini di fondi, GAM Star Portfolios e Tilley BestInvest sono usati comunemente a Dubai, in Cambogia, Bangkok, Hong Kong, Singapore e Kuala Lumpur. Entrambi i conti hanno commissioni alte.

In aggiunta, i seguenti fondi vengono venduti diffusamente, sia all’interno di questi piani che all’esterno tramite piattaforme indipendenti:

• Fondi Guinness – Guinness Global Equity Income e Guinness Global Investors

• Fondi VAM, incluso US microchip growth a e fondi gestiti VAM come cautious A e B.

• Note strutturate Commerzbank

• Valartis Group

• Momentum Investment Management.

• Portafogli Harmony, incluso sterling balanced, sterling growth, fondo usd balanced e Euro diversified 

• Fondi SAM Group

• Brooks Macdonald strategic growth

• Fondi dvam

• Fondi Sanlam

• Vari fondi AXA, iShares e BlackRock.

• Fondi Franklin Templeton

• Fondi obbligazionari Pimco

• Fondo Castlestone low volatility income + fondo faang

• Fondo St James Place alternative assets; greater European progressive unit trust, portafoglio balanced e fondo equity income. 

• TAM Asset Management 

• ARIA Capital Management 

• Note strutturate/prodotti NEBA 

• Note strutturate/prodotti Portman 

• Note strutturate/prodotti Chronus

• Cornhill asset management Lussemburgo

Storicamente sono stati venduti bene anche molti fondi sospesi, incluso il Brandeaux Student Accommodation e l’LM Investment Management.

Alcuni di questi fondi hanno avuto buone performance, mentre altri hanno avuto risultati meno positivi per varie ragioni.

Quali Fondi Pensionistici Fiduciari sono spesso utilizzati in combinazione con le obbligazioni offshore?

Per gli expat Britannici alcuni popolari piani fiduciari SIPP e QROPS sono Momentum Pensions, STM Group, le pensioni Forthplus e il Sovereign Group. Altri includono: 

• Pantheon Pension Trustees

• Trireme Pension Services

• New Zealand Endeavour

• Hornbuckle Mitchell Group

• The Concept Group

• Brooklands Pensions/IVCM Heritage Pensions Limited

• Bourse Pension Trustees

• Baker Tilly Isle of Man/RSM

In molti casi potrete ridurre le commissioni e migliorare la performance effettuando delle modifiche a questi piani.

Un Americano dovrebbe acquistare uno di questi piani?

Prima che la legge FATCA entrasse in vigore nel 2010, investire all’estero per un expat Americano aveva ancora un senso (partendo dal presupposto che l’investimento venisse fatto con giudizio).

Tuttavia, al giorno d’oggi, è difficile per i cittadini Americani investire all’estero in modo produttivo. Investire in modo improduttivo può portare a problemi con le tasse. 

Per quei cittadini USA che hanno già acquistato questo tipo di piani, tuttavia, conviene ricercare una soluzione simile a quelle attuate dai cittadini di altre nazionalità, per poter far funzionare quei piani in modo più efficiente.

Perchè gli investitori falliscono quasi sempre?

In precedenza abbiamo già parlato di come le emozioni possano portare a una riduzione dei ritorni sugli investimenti a causa di avidità, paura ed egoismo. Abbiamo anche osservato come alcuni investitori sembrano preferire profitti più contenuti.

Spesso le persone, invece di guardare solamente alla matematica e alle prove osservabili, diventano emotivamente legate ai loro conti (per esempio quando rifiutano una perdita fittizia o quando attendono fino ad un certo livello prima di vendere).

Dettagli completi dei contatti 

Qua sotto potete trovare tutti i miei contatti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *